Parlano gli ebrei sopravvissuti. Ecco il Memoriale della Shoah (GAZZETTA DI MANTOVA 13/06/2017)

Stampa

Saranno i docenti e gli studenti dell'istituto D'Arco-D'Este, a mettere le testimonianze raccolte di ebrei mantovani sopravvissuti alla Shoah nelle mani dei rappresentanti dell'Archivio di Stato, dell'Istituto mantovano di storia contemporanea, della Comunità ebraica e della Fondazione Franchetti. La cerimonia di consegna si terrà venerdì mattina alle 10 nell'aula magna del liceo D'Este. Il progetto di ricerca è stato avviato in occasione del Giorno della Memoria 2016 e si è concluso con l'installazione del Memoriale della Shoah mantovana in un'area dell'istituto. Nell'installazione sono ricordati i nomi di 104 ebrei mantovani deportati, per lo più ad Auschwitz-Birkenau, e ricostruite le vicende che hanno portato alla discriminazione e alla deportazione degli ebrei italiani. Un momento drammatico di queste vicende a Mantova fu l'espulsione dall'istituto magistrale Isabella d'Este di tre studenti e di una docente di "razza ebraica" in forza delle leggi razziali emanate nel 1938. Nel febbraio 2017 il Memoriale della Shoah mantovana è stato arricchito da un video in cui sono state raccolte le testimonianze, per lo più inedite, di cinque ebrei mantovani (i bambini nascosti Lidia Gallico, Vittorio Jare, Leonello Levi, Luciana Parigi e Silvana Vivanti) sfuggiti alle deportazioni, i cui parenti furono quasi tutti uccisi nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.