Matematica, una passione unica (VOCE DI MANTOVA 13/05/2015)

Stampa

Si avvicina la prova finale per 3.800 studenti, provenienti da tutta Italia, parteciperanno presso l'Università Bocconi di Milano ai Campionati di Giochi Matematici, desiderosi di mettersi in gioco e di dimostrare sul campo le proprie abilità e competenze. Tra questi, vi sono anche cinque giovanissimi studenti mantovani, frequentanti la scuola media Gabriele Bertazzolo, che hanno già concorso per la provincia di Mantova. Si tratta di Federico Zanca, classificatesi secondo nella categoria C2 (terza media e prima superiore), Samuele Toniolo, primo nella categoria CI (prima e seconda media), Anna Sedazzari, quinta nella categoria CI, Silvia Borsaio, sesta nella categoria CI e Filippo Benetti, tredicesimo nella categoria CI. Poter partecipare ad un evento prestigioso come questo (la ventinovesima edizione nel mondo, la ventiduesima organizzata in Italia dal Centro Pristem dell'Università Bocconi) non capita tutti i giorni ed è per questo motivo che abbiamo incontrato gli studenti, direttamente nel loro habitat naturale, ovvero le mura scolastiche, per farci raccontare da vicino da dove nasce la passione per l'affascinante e complesso mondo dei numeri. Federico Zanca, della classe 3D confessa che sogna di figurare tra i primi fin dalla prima media e finalmente ha raggiunto l'obiettivo. Ha partecipato quasi per gioco, spinto dalla convinzione che riuscire a fare ciò che piace possa portare a buoni risultati. Filippo Benetti e Samuele Toniolo, entrambi della 2C dimostrano di avere già le idee molto chiare: per loro il mondo fa leva sui numeri e sono convinti che attraverso il ragionamento e la logica si possano risolvere tanti problemi legati alla vita quotidiana. Per Anna Sedazzari, frequentante la classe 2G, quella per la matematica è una passione cresciuta nel tempo, che desidera coltivare in futuro, dando però spazio anche ad altri hobby, come la danza classica e lo studio del pianoforte. Silvia Borsaio, della classe 2F ha espresso soddisfazione per il risultato ottenuto, con la speranza di far bene anche a Milano. Con à auspicio di vederli tutti e cinque trionfare a Milano ed eventualmente nella finalissima di Parigi (prevista per fine agosto 2015), è opportuno ricordare che alla buona riuscita della manifestazione hanno contribuito la Banca popolare dell'Emilia Romagna e l'Istituto Giuseppe Franchetti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.