Canti della tradizione ebraica per la Giornata della Memoria (CITTADELLA 29/01/2015)

Stampa

Razza Alta, che ospitava l'evento al primo piano del Centro Culturale "Piazzalunga", era gremita in ogni ordine di posti: un totale di circa 200 persone che occupavano completamente la sala del concerto e, parzialmente, anche la sala al piano terra, collegata in simultanea audio/video. Presenti alla serata, abilmente condotta da Giorgio Benda valli, il sindaco Ivan Ongari, l'assessore alla Cultura Raffaella Zaidini, mons. Egidio Faglioni, il presidente Lions Club "Mantova Ducale" Giancarlo Odini, insieme a vari rappresentanti della comunità ebraica mantovana: Emanuele Colorni, presidente della Comunità Ebraica di Mantova, Nora De Giacomo, scrittrice, storica, cofondatrice di Man Tova, Leonello Levi, storico dell'Ebraismo mantovano e docente di Diritto e di Economia, Aldo Norsa, presidente della Fondazione Istituto Franchetti e vicepresidente di Man Tova, Stefano Patuzzi, ebraista, musicologo, scrittore e presidente dell'Associazione di Cultura Ebraica Man Tova. Gli interventi istituzionali sono stati di Ivan Ongari, Raffaella Zaidini, Emanuele Colorni e Giancarlo Odini. È stata una serata emotivamente molto coinvolgente, con il cantore Albert Halkatz e il suo gruppo musicale che hanno entusiasmato il pubblico che, a più riprese, ha risposto con ritmati battimani e prolungati applausi. Molto apprezzate sono state le poesie e le letture struggenti proposte da Bruna Chiaventi. Particolarmente intenso e profondo l'intervento finale del professor Carlo Prandi, presidente degli Amici del Museo del Premio. Gilberto Zacchè, presidente dell'Associazione Amici del Premio, ha consegnato omaggi agli ospiti della serata e ricordato il grande valore della nostra collezione d'arte nel Museo del Premio Suzzara. Assai applaudito l'intervento finale del dottor Giancarlo Odini che, a ricordo della brillante serata, ha poi fatto omaggio agli ospiti di guidoncini del suo Club e a Giorgio Bondavalli di una preziosa opera di Andrea lori. Calorosissimo e quasi interminabile l'applauso finale, in una sala in cui la commozione era palpabile. La collaborazione tra Associazione Amici del Premio, Associazione Amici del Museo e l'Amministrazione Comunale, ha originato una serata che verrà certo ricordata tra gli eventi culturali di maggior successo della nostra città.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.