Franchetti

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sei qui: Rassegna Stampa Tradizionali auguri in Coro, grande successo per Ricercare Ensemble al Gradaro (VOCE DI MANTOVA 28/12/2013)

Tradizionali auguri in Coro, grande successo per Ricercare Ensemble al Gradaro (VOCE DI MANTOVA 28/12/2013)

E-mail Stampa PDF
Tradizione rispettata, il giorno di Santo Stefano in un'affollata chiesa di Santa Maria del Gradaro, con il rinnovarsi del successo colto dal Coro da Camera Ricercare Ensemble e dall'Orchestra Barocca Accademia degli Invaghiti. Ventiseiesima edizione del puntuale appuntamento natalizio, questa, e si è trattato di un importante passo nell'affermazione dell'organico nel suo complesso: una prova convincente di integrazione sonora e stilistica tra voci e strumenti condotta con appassionata competenza dal maestro Romano Adami. Un traguardo di consolidata qualità raggiunto con un programma interamente dedicato a composizioni in stile cerimoniale e celebrativo inglese del 1700, che allo stesso tempo rappresenta l'avvio di un ambizioso quanto impegnativo progetto intitolato Odi, Oratori, Cantate, Passioni che si svilupperà nei prossimo due anni e che prevede straordinari appuntamenti con le monumentali Passioni di J. S. Bach. L'elegante raffinatezza di Come ye sons of art Z323 di Henry Purcell (1659-1695), l'Ode composta nel 1694 per il compleanno della Regina Mary, è stata interpretata con sensibile partecipazione dai solisti, con particolare rilievo riservato alla voce di controtenore, in efficace dialogo con la compattezza del coro e con l'accurata definizione dei timbri degli strumenti barocchi. Con L'Utrecht Te Deum HWV 278 e con l'Ode per il giorno di Santa Cecilia HWV 76, la più spettacolare architettura sonora creata da George Friderich Handel (1685-1759) ha offerto un'articolata successione di interventi delle voci solistiche di straordinario fascino, esuberante enfasi corale e limpidi quadri strumentali destinati alla valorizzazione delle singole tonalità sonore. La calorosissima approvazione del pubblico ha accolto le belle prove di Elena Bertuzzi e Anna Simboli, soprano, Andrea Arrivabene e Francesco Gherardini, controtenori, Gianluca Ferrarini e Alessio Tosi, tenori, e di Matteo Bellotto, basso, e tributato il meritato successo all'Orchestra Barocca Accademia degli Invaghiti e al Coro da Camera Ricercare Ensemble. Un ottimo viatico per l'attività futura della formazione diretta dal maestro Romano Adami che, anche in questa occasione, ha confermato le sue doti tecniche, l'ottimo livello qualitativo acquisito e la sua preziosa duttilità interpretativa.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.