Franchetti

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sei qui: Rassegna Stampa La "Cultura Ebraica" con Patuzzi (VOCE DI MANTOVA 27/11/2013)

La "Cultura Ebraica" con Patuzzi (VOCE DI MANTOVA 27/11/2013)

E-mail Stampa PDF
Dopo il successo della prima "edizione", torna il secondo ciclo di appuntamenti divulgativi sulla Cultura Ebraica condotto dall'ebraista Stefano Patuzzi. Si parte giovedì 28 novembre presso la Fondazione Università di Mantova, in via Scarsellini 2, con inizio alle ore 21. Il corso è gratuito ed aperto al pubblico. Questo nuovo ciclo ha come titolo e propone come tema principale "La cultura ebraica: quattro millenni per un immaginario". Un viaggio nella storia per ampliare le proprie conoscenze e arrivare a comprendere alcuni aspetti del sistema culturale e del patrimonio identìtario di un popolo. In totale le lezioni a cura di Stefano Patuzzi, socio ordinario dell'Associazione italiana per lo studio del Giudaismo, saranno sei e si svolgeranno sempre presso la Fum alle 21.Un progetto sostenuto dalla Fondazione Istituto Giuseppe Franchetti, proposto dall'associazione di cultura ebraica "Man Tovà - La città della manna buona" (www.mannabuona.it), e patrocinato della Comunità ebraica di Mantova. Le serate saranno tutte aperte al pubblico gratuitamente; per ragioni organizzative è richiesta solamente, con un cer to anticipo, l'iscrizione a uno o più incontri che può essere effettuata presso la Fondazione Istituto Franchetti, telefonicamente allo 0376 320567 (dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 18) oppure via mail all 'indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; le iscrizioni alle lezioni successive saranno a ogni modo possibili anche dopo l'inizio del corso. Per informazioni più dettagliate è possibile contattare la segreteria dell'associazione di cultura ebraica "Man Tova" al numero 335 1244635. «Come "Franchetti" crediamo sia importante offrire un'occasione gratuita, aperta a tutte le persone interessate, per comprendere meglio alcuni aspetti della cultura ebraica - ha detto il presidente della Fondazione di via Pescheria, Aldo Norsa - e per approfondire alcuni dei temi trattati nel corso del ciclo precedente. Abbiamo ritenuto di ripetere l'iniziativa anche in quanto nella precedente edizione partecipavano persone non solo da Mantova e dalla provincia - ha sottolineato Norsa -, ma anche da altre realtà come ad esempio Brescia, dimostrando dunque un interesse tutt'altro che superficiale e certamente non solo lo cale». Ecco il programma: il primo incontro, dunque, il 28 novembre con "Dalla Mantova dei qabbalisti alla Praga 'magica': il Maharal (ca. 1520-1609) e le visioni della storia", poi giovedì 12 dicembre con "Enrico VIII, Caterina d'Aragona e i rabbini italiani". Gli appuntamenti continueranno, sempre alle 21 presso la Fondazione Università di Mantova, anche nel 2014: il 23 gennaio "Mangiare alla giudìa: la kasherùt dal libro della Genesi a Mantova", il 6 febbraio "Tre giorni e tre notti: Giona nel ventre del grande pesce", il 20 febbraio "Gli ebrei etiopi e l'Arca dell'Alleanza". Ultimo incontro il 6 marzo con "Uscire ogni anno dall'Egitto: Pésach, la Pasqua ebraica". Si tratta dunque di un corso molto interessante e, visto il carattere divulgativo delle lezioni, non sono richieste competenze specifiche sull'argomento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.