Franchetti

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sei qui: Rassegna Stampa Il Franchetti alla ricerca di un logo (VOCE DI MANTOVA 16-03-2013)

Il Franchetti alla ricerca di un logo (VOCE DI MANTOVA 16-03-2013)

E-mail Stampa PDF
Il Franchetti alla ricerca di un logo
Presentate le iniziative 2013: borse di studio, appartamenti e un concorso per le superiori

Borse di studio, recupero di stabili in pieno centro storico e un concorso per la realizzazione del logo dell'istituto che verrà riservato agli istituti superiori della provincia di Mantova. Queste le iniziative che l'Istituto Franchetti ha in serbo per il 2013. A presentarle, ieri, il presidente Aldo Morsa. «La vera novità di quest'anno ha detto il presidente Norsa - è la realizzazione di un concorso per la creazione del logo dell'Istituto Franchetti. Abbiamo deciso di rivolgerci alle scuole superiori di Mantova, per avvicinarci a questo segmento di studenti fino ad oggi poco a contatto con noi. Il logo servirà a identificare l'istituto nella carta intestata, el sito Web... Insomma, diventerà un po' il nostro marchio di fabbrica. Il bando è stato approvato dal consiglio ma è tuttora in fase di definizione. Nei prossimi giorni lo presenteremo ufficialmente riportando le caratteristiche precise, dal budget a disposizione alle tempistiche per partecipare e altro ancora». Intanto, però, sono scaduti i termini per la presentazione delle candidature
degli studenti universitari residenti in provincia di Manto va per ottenere le borse di studio per tesi di laurea ogni anno messe in palio dal Franchetti. «Sono arrivate 88 domande - ha precisato il presidente - e ora il consiglio le dovrà valutare. L'anno scorso sono state premiate 55 tesi su 80. Presumo che anche quest'anno saremo su quest'ordine di cifre. La somma a disposizione quest'anno è di 120mila euro, stesso importo del 2012».

Altro lavoro importante che l'istituto sta portando avanti è il riordino del suo archivio storico: «Se ne sta occupando Angelica Bertellini - ha detto ancora Norsa - e i primi risultati sono sorprendenti. Abbiamo scovato documenti molto interessanti riguardanti l'attività dell'istituto tra il 1920 e la seconda guerra mondiale. L'intenzione è, una volta ultimato il riordino, di pubblicare un volumetto nel quale riportare i titoli più importanti dei documenti in archivio». C'è poi l'attività di recupero immobili, che da sempre caratterizza l'istituto, pronto arimettere sul mercato appartamenti in affitto a prezzi calmierati: «Abbiamo
acquisito un palazzo in via Orefici - ha spiegato ancora Norsa - e lo stiamo sistemando. Una volta finiti i lavori, come consuetudine, daremo gli appartamenti in locazione a cifre calmierate». Inoltre è in corso anche la digitalizzazione completa della documentazione della comunità ebraica di Mantova, che una volta terminata verrà messa a disposizione di tutti sul sito della biblioteca comunale di Mantova.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.